Ringraziamenti - CRC Anspi Manesseno

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ringraziamenti

50° anniversario

 
CONCLUSIONE e RINGRAZIAMENTI
 
Un particolare pensiero di gratitudine a tutti coloro che hanno collaborato a quest’opera. Ritengo renda perfettamente l’idea di passione e solidarietà che ha sempre animato il nostro circolo, in un’armonia di impegno di sacerdoti e laici alla ricerca di ampi orizzonti nella società civile. Sin dalla costruzione della Chiesa Succursale si era immaginato uno spazio ed un luogo  rivolto in particolare ai ragazzi e ai giovani, nell’ottica di una crescita cristiana ed umana negli anni del boom economico. Funzione che continua ad essere fondamentale anche ai nostri giorni ben diversi dall’epoca iniziale. Possiamo dire che il circolo aiuta la Parrocchia in sintonia di progetto pastorale allargandone le possibilità di incontro con gli abitanti anche oltre l’aspetto strettamente religioso. Le persone che si sono prodigate nel difficile compito di organizzare attività e formulare proposte per il tempo libero sono tantissime ed ovviamente è impossibile ricordarle tutte per cui sono doverose le scuse per le omissioni e le dimenticanze di avvenimenti importanti non citati. Una soddisfazione particolare per i gruppi giovanili, dall’azione cattolica ai gruppi giovanissimi e giovani che tramite gli animatori hanno creato entusiasmo e formazione per tanti che poi si sono impegnati nelle opere parrocchiali nell’ambito delle varie associazioni ed il circolo stesso. Credo si sia creato negli anni un clima costruttivo e famigliare importante tra generazioni diverse, frutto di chissà quante esperienze e discussioni infinite. Sicuramente nel libro sono stati approfonditi alcuni periodi storici ed evidenziato meno altri, frutto  della documentazione reperita negli archivi e nella memoria.Per questo invitiamo i lettori ad integrarne la storia con i propri ricordi ed emozioni; tramite il sito internet vorremmo continuare ad aggiornare  la splendida avventura che ci accompagna. Nel ricordare l’incredibile dedizione di Luciano senza la quale probabilmente non sarebbe nata questa testimonianza, vorrei formulare un augurio per il futuro del nostro caro C.R.C.: sia e continui ad essere fondamentale l’accoglienza alle persone anche più disagiate ed emarginate dalla società, secondo le intenzioni di Papa Francesco.
 
Il cuore dicevamo.
 
 
                  Don Giorgio  (parroco di Manesseno e Comago)






UN SALUTO PER MANESSENO

Quando incontrai la prima volta quel giovane, don Franco mi disse: "e' una sicurezza per il circolo di Manesseno, ma segue anche molto bene il comitato zonale dell Anspi" . Sono passati più di trent'anni da allora, e Sergio e' ancora una certezza per il circolo di Manesseno, oltre ad un punto fermo nell'organizzazione del comitato zonale e regionale dell' Anspi, di cui è' sempre stato il segretario tesoriere.
          Moltissimi sono i ricordi legati al circolo, e ai ragazzi che lo hanno gestito per tanto tempo, con Sergio e Moreno in prima fila : dal complesso e i concerti nelle feste , allo storico torneo di calcio, dalla festa parrocchiale a quella degli oratori e Circoli dello zonale... E quello che li accomuna è la sensazione  di serenità e di tranquillità  nell'organizzazione e nella gestione delle attività che si è sempre respirata a Manesseno, cosi simile peraltro alle caratteristiche di quei giovani, oggi cinquantenni , ma sempre ragazzi dentro...
          La passione educativa, l'amore per le attivita' del tempo libero, la responsabilita' associativa  hanno caratterizzato e valorizzato da sempre l'esempio che Sergio e compagni hanno  regalato a tantissime generazioni di giovani che si sono succedute nel Circolo, naturalmente insieme ai vari don e ai tanti volontari che lo hanno animato ... un esempio che testimonia di buon grado il vero valore dell 'esperienza associativa, di cui nel "mondo anspi" certamente il circolo di  Manesseno è sempre stato primo attore!!
Ad maiora!!

                  Paolo Petralia      (presidente ANSPI Liguria)




 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu